DTF 2P.165/2005 e 2A.419/2005 del 9.5.2006 (ricorso di diritto amministrativo e di diritto pubblico)

Art. 5 cpv. 5 Lpar – molestie sessuali – indennità per torto morale, risarcimento danno per perdita di guadagno e spese extragiudiziarie – professoressa scuola secondaria di secondo grado

Molestie sessuali accertate già dalla corte cantonale (denunce presentate da numerosi insegnati nei confronti del direttore della scuola, nei cui confronti il Cantone ha aperto un’inchiesta disciplinare sfociata nelle sue dimissioni).

CHF 15’000.– riconosciuti a titolo di indennità per torto morale, non più oggetto di ricorso al TF.

La docente aveva chiesto una riduzione delle ore di insegnamento in seguito alle molestie sessuali e psicologiche subite. Risarcimento della perdita di guadagno confermata, con riduzione del danno subito: poteva far valere indennità perdita di guadagno per il lavoro accessorio sostitutivo (non è stata portata la prova che il contratto a tempo determinato precedentemente concluso è stato sciolto in seguito a malattia).

Le spese extragiudiziarie fanno parte del danno, anche se non ancora pagate e anche se assunte da terzi (in casu l’associazione di categoria). Nessun risarcimento per spese in procedure che danno diritto alle ripetibili in caso di successo, cioè nessun risarcimento di spese in procedure per atti dichiarati irricevibili o respinti.

Pubblicazione delle sentenze sul sito del Tribunale federale (www.bger.ch)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Molestie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.